Caffé dei Giornalisti - Rosita Ferrato

Caffé dei Giornalisti Logo

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Come a Parigi esiste una casa dei giornalisti, mi sono detta, perché a Torino, crocevia di culture e città ricca di idee, non potrebbe esistere un Caffè dei giornalisti?
Il caffè è posto dove incontrarsi, ritrovarsi e stare insieme, condividere commenti ed emozioni; da cui uscire sempre un po’ arricchiti e con nuovi spunti su cui riflettere e magari costruire percorsi nuovi… un luogo ideale per conoscere altre realtà e sostenere l’impegno di tanti colleghi, per promuovere un confronto costante tra noi, ma anche con la società civile e con i giornalisti di altri paesi. Un luogo di arte, letteratura, musica, poesia: di cultura insomma, in tutte le sue espressioni.
Rosita ferrato, Presidente del Caffé dei Giornalisti

Il Caffè dei giornalisti è un’associazione culturale al servizio della libertà di stampa e della libera manifestazione del pensiero; nasce nel 2012 da un’idea di Rosita Ferrato, giornalista, scrittrice e fotografa torinese.

Ispirandosi alla Maison des journalistes (l’associazione francese con base a Parigi che accoglie giornalisti esuli e dissidenti), esordisce nel panorama culturale locale portando all’attenzione dell’opinione pubblica le violazioni perpetrate dai governi di tutto il mondo ai danni di giornalisti, fotoreporter e blogger “colpevoli” di fare un’informazione libera, democratica, approfondita e critica.

Un’azione di sensibilizzazione resa incisiva dalla capacità di utilizzare registri narrativi differenti – conferenze, dibattiti, mostre, presentazioni di libri, lezioni, arte, letteratura, musica, poesia – accomunati da coerenza metodologica: non il lancio della breaking news, ma il racconto degli effetti e delle conseguenze provocate dalla notizia. Un racconto articolato in tre momenti: definizione del contesto, analisi, opinioni degli esperti.

Una metodologia narrativa che diventa la cifra stilistica del Caffè dei giornalisti, che negli anni avverte la necessità di inserire altri temi di riflessione alla sua proposta di agenda setting: i cambiamenti geo-politici in atto nei paesi che affacciano sul Mediterraneo (Tunisia, Egitto, Algeria), destinati a influenzare i futuri equilibri mondiali, e la “saldatura” del giornalismo ai temi della cooperazione sociale e dello sviluppo sostenibile globale.

La vocazione all’approfondimento fa evolvere il ruolo originario del Caffè dei giornalisti: oggi - oltre a configurarsi quale luogo d’incontro (virtuale, fisico, itinerante) tra giornalisti e di confronto sulla maniera di intendere e interpretare l’informazione – è anche collettore e megafono d’iniziative finalizzate a sensibilizzare pubblici più ampi ed eterogenei rispetto a quello dei soli “addetti ai lavori” su un tema complesso e ricco di significati quale la cultura del rispetto, di cui sono evidenti le implicazioni con la libertà d’informazione e di stampa.

In questa duplice veste, il Caffè dei giornalisti consolida antiche partnership – con la Maison des journalistes, con il Dipartimento di Culture, Politica e Società e il corso di Laurea Magistrale in Comunicazione Pubblica e Politica dell’Università degli Studi di Torino; con Babelmed, il sito sulle culture mediterranee – e ne sperimenta di nuove, partecipando al progetto lanciato dal Circolo della Stampa di Torino: valorizzare, promuovere e sostenere la sede storica - Palazzo Ceriana Mayneri, ottocentesca dimora patrizia – nel suo ruolo di casa del giornalismo, attraverso l’organizzazione di incontri e dibattiti con il mondo intellettuale e politico, “in interazione con tutti gli altri campi culturali, in dialogo attivo con la città, con ogni fascia di pubblico”.

Un luogo fisico di incontro, scambio, divulgazione e informazione, candidato ad affiancare e interagire con quello virtuale, tradizionale punto di riferimento del pubblico del Caffè dei giornalisti: www.caffedeigiornalisti.it

Per contatti e approfondimenti:
Caffè dei giornalisti
via Carlo Alberto 14 - 10123 Torino
info@caffedeigiornalisti.it

GLI ULTIMI POST

  • World Press Photo, un anno di notizie attraverso l’obiettivo
    by Bianca La Placa on 10 novembre 2017 at 11:44

    80mila foto, scattate da 5034 fotografi di tutto il mondo e pubblicate sulle principali testate internazionali: questi i numeri dei partecipanti all’edizione 2017 del World Press Photo, il più grande concorso di fotogiornalismo al mondo nato ad Amsterdam nel 1955 per tutelare la libertà di informazione, inchiesta e espressione come diritti inalienabili e promuovere il foto-giornalismo di qualità. Ogni anno, ... […]

  • Accademia della Crusca: giornalisti italiani, usate (bene) l’italiano!
    by La redazione on 9 novembre 2017 at 9:46

    La lectio magistralis del presidente dell’Accademia della Crusca Claudio Marazzini, con cui si è aperto il nuovo anno accademico del Master Giorgio Bocca di Torino, ha offerto spunti molto interessanti per il mestiere del giornalista. Un lavoratore della parola che spesso dimentica l’importanza della lingua, suo strumento eletto, e sottovaluta la capacità di influenzare l’uso quotidiano della stessa da parte ... […]

  • 2 novembre: stop all’impunità per chi uccide i giornalisti
    by Laura Silvia Battaglia on 2 novembre 2017 at 9:27

    Il Paese in cima alla lista è la Somalia, seguìto dalla Siria, dall’Iraq e dal Sud Sudan. E sono i Paesi dove non solo muoiono più giornalisti, ma soprattutto dove gli autori di questi crimini non vengono perseguiti dalle autorità, perché sono gli stessi membri dell’establishment a ordinare questi omicidi; oppure perché non esistono leggi che regolino la libertà di ... […]

  • La scommessa di ALP: la laicità in Tunisia
    by La redazione on 31 ottobre 2017 at 15:28

    Si chiama Associazione del libero pensiero, ha sede a Tunisi, aggiorna una pagina su Facebook ed è un unicum nel mondo arabo: per la prima volta, difatti, è stata autorizzata la costituzione di un’entità che si richiama palesemente ai concetti della laicità e dell’ateismo. Nello statuto della ALP si legge, infatti, che l’associazione si rivolge a «tutti gli atei, gli ... […]

  • No Impunity Day: Roma, capitale delle minacce ai giornalisti
    by Lazzaro Pappagallo on 23 ottobre 2017 at 6:48

    Il 2 novembre si celebra la Giornata Mondiale per la fine delle impunità per i crimini contro i giornalisti, un’iniziativa dell’Onu che cade nell’anniversario dell’uccisione di due giornalisti francesi in Mali, Ghislaine Dupont e Claude Verlon. In Italia, per l’occasione, la onlus Ossigeno per l’informazione (che si occupa di tutelare i giornalisti minacciati nel nostro Paese) ha organizzato a Roma, Palazzo ... […]


top